Dialoghi con l'Universo - PAGGIO

Vai ai contenuti

Menu principale:

Dialoghi con l'Universo

Dialoghi con l'Universo

DIALOGHI con l'UNIVERSO

DICEMBRE 2017 cecchipaone leiene
Gentile CECCHI PAONE,
ho ascoltato le sue parole durante il servizio delle IENE di domenica 3 dicembre e appoggio pienamente il suo concetto!
"E' giusto che debbano arrivare 150.000 immigrati all'anno in Italia perché altrimenti non riusciremo a pagare le pensioni nei prossimi anni." Senza usare pregiudizi e discriminazioni penso ciò che ha detto rispecchia le parole della politica italiana ed in parte europea. Credo che lei non conosca bene a fondo le motivazioni di questa manovra, forse perché le torna comodo appoggiare questo ideale e forse perché non conosce bene veramente il mondo del lavoro. Premetto che sono solidale, convivo bene con chiunque e anzi comunico e mi interfaccio meglio con tanti immigrati/stranieri  che con cittadini italiani, ma l'atto che si sta svolgendo nei confronti dei veri lavoratori, motore portante della nostra economia, è indegno! Le spiego semplicemente questo concetto:
il lavoro è diventata precario e per certi aspetti molto voluto - in alcuni settori il lavoro è aumentato con la richiesta di personale ma solo tramite agenzia interinale - sono aumentati gli immigrati con la normale richiesta di lavoro anche da parte loro - la maggior parte di quest'ultimi ha un età sopra i 25 anni - sono grandi lavoratori e accettano ciò che gli viene proposto anche perché diversamente morirebbero di fame - gli italiani un po' sono diventati vagabondi, un po' cercano lavori meno umili e meno faticosi - questi perdono anni di TFR - gli anziani in Italia aumentano e hanno bisogno di pensione - l'età pensionabile viene allungata - l'italiano medio perde il lavoro ed è costretto ad accettare le condizioni di precariato e si rivolge alle agenzie del lavoro - queste propongono lavori a tempo determinato di una settimana, un mese o al massimo alcuni mesi - gli italiani che lavorano da anni vedono nella pensione un miraggio perché i tempi si allungano causa lavoro saltuario e causa allontamento età pensionabile - gli stranieri iniziano a lavorare in età avanzata quindi non vedranno mai la pensione o almeno dovranno lavorare fino ad un'età che non gli permetterà di avere più forza fisica - questi ad un certo punto decidono di emigrare nuovamente - anche l'italiano si sta trovando nella solita e medisima condizione - è giusto che arrivino immigrati, così il politico non pagherà le pensioni a tutti e almeno non dovrà pensarci per i prossimi decenni a venire - Quindi compreso il concetto? Molto semplice da intuire anche per chi di economia non se ne intende!

DICEMBRE 2017 matteosalvini leiene
Gentile MATTEO SALVINI,
ho ascoltato le sue parole durante il servizio delle IENE di domenica 3 dicembre e mi fa piacere sapere che ha fatto passi indietro! A questo punto penso che lei abbia paura di perdere credibilità, se ce l'ha! Infamare ed offendere il suo stesso popolo, sud o nord che sia è da ignoranti. Pregiudicare il sud Italia è da persone poco intelligenti e al tempo stesso poco informate. Che la situazione italiana in alcune regione è difficile, ingovernabile e poco piacevole ormai lo sappiamo, ma non rendersi conto di ciò che si dice è vergognoso! In poche parole le spiego perché: dare in mano una pistola caricata a salve ad una persona che non sa gestirla e tantomeno usarla è da criminali, se poi ci aggiungiamo pallottole la rendiamo una bomba ad orologeria. Le sue parole hanno comunicato questo! Puntiamo il dito e parliamo male di un'Italia sudista perché non conosciamo ciò che l'Italia nordista fa! Se il sud, in particolar modo la Campania è sporca ed inquinata più del resto del paese è perché permettiamo di seppellerci rifiuti di ogni genere, in primis quelli creati dalle fabbriche del nord! Così accade anche per altri paesi come Africa o medioriente. E poi è proprio sicuro che il nord sia meno inquinato e più avanzato? Ne è proprio sicuro? Si consulti e faccia una bella analisi della situazione, vistando porta a porta tutte le città! Grazie!

DICEMBRE 2017
Spett.le agenzia interinale R*****D,
è tanto tempo che non vi fate sentire, ma anche io ho fatto altrettanto, anche perché a distanza di un anno ho sempre lavorato e non ho avuto bisogno di voi. Forse dopo il mio confronto avete valutato che era meglio non avere un lavoratore con le idee bizzarre e pretenziose, quindi catalogato come pecora nera. Quella macchia in mezzo al gregge però si contraddistingue e porta avanti i propri ideali senza dover subire. Del resto per lavorare con la maggior parte delle azienda si deve stare zitti e tenere il capo basso. Ah! Dimenticavo anche voi siete un'azienda e come tali vi comportate come chi vi dà lavoro. Il mio esposto vi ha dato fastidio perché ho espresso il mio parere e vi ho solo detto se conoscevate bene a fondo le aziende con cui lavorate e perché a termine contratto non chiedete un feedback dal vostro lavoratore. Esporre pareri sulla struttura delle aziende dovrebbe essere costruttivo per tutti e invece ho notato che provoca fastidio.
In questo giorni mi stavo domandando se lavorate ancora con aziende di una certa carataura. Si proprio quelle! Che discriminano i dipendenti stranieri e poi ne hanno il 90% nella struttura aziendale. Questi lavorano più sodo degli italiani e gestiscono al meglio l'azienda nonostante non sia la loro. C'è un però! Da oltre 2 anni non ricevono il vecchio TFR, hanno mensilità non pagate, straordinari segnati fuori dalla busta paga e pagati a comodo. Domandatevi perché volevo esprimere un mio parere! Partecipiamo a corsi di aggiornamento che parlano di sicurezza e gestione del dipendente. Ci impegnamo per conseguire un patentino per conduzione muletto e poi...su 10 dipendenti di certe aziende, solo 8 hanno il patentino e la metà lo utilizzano. Domandatevi perché volevo esprimere un mio parere! Macchinari dismessi, con tanto di cartellino e allo stesso tempo macchinari in vigore con rischio di infortunio ogni minuto di utilizzo causa inadeguatezza! Domandatevi perché volevo esprimere un mio parere! Lavorare materiali senza l'uso di guanti di protezione e non forniti dell'azienda perché ritenuti inutili! Domandatevi perché volevo esprimere un mio parere! Lavorare senza abbigliamento adeguato, scarpe antinfortuniostica perché non fornite dall'azienda (anche se descritte nel manuale lavoratore). Domandatevi perché volevo esprimere un mio parere! Utilizzo di attrezzature al limite dell'utilizzo, perchè l'azienda non riteneva opportuno affillarle, aggiustarle! Domandatevi perché volevo esprimere un mio parere! Interi giorni senza carta igienica perché i tempi di acquisto erano interpretabili! Domandatevi perché volevo esprimere un mio parere! Dipendenti costretti a lavorare in condizioni fisiche precarie perché non potevano permettersi di assentarsi, farsi visitare e anche curarsi. Domandatevi perché volevo esprimere un mio parere! Volete che continui? Ecco! La prossima volta ascoltate a fondo ciò che il dipendente ha da dirvi e non rispondetegli che se non volevo stare il quel determinato lavoro doveva venire via prima! Certo vi comprendo, anche voi dovete mangiare, vivere e dovete agire senza scrupoli, perché diversamente arriverà qualcun altro che vi soffierà il lavoro e l'azienda! Del resto è più giusto pensare al fatturato che a ciò che ha da dirvi il dipendente. Ormai la fuori è iniziata una battaglia e che viene vinta dal più furbo! Fortunatamente ci sono ancora tante persone con un po' di coscienza che cercano di cambiare le modalità di agire di una società allo sbando. Grazie!


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu